Video Marketing
Benvenuto
Login

A Torino il primo negozio in cui si paga con i Bitcoin

Grazie! Condividilo con i tuoi amici!

URL

Non hai gradito questo video. Grazie per il feedback!

Ci dispiace, solo gli utenti registrati possono creare le playlists.
URL


Aggiunto da clservice in CRYPTO MONETE
129 Visioni

Descrizione

Roma, (askanews) - Da Internet alla cassa dei negozi: il Bitcoin può essere usato anche per fare piccoli acquisti quotidiani. Succede a Torino, a due passi dalla Mole Antonelliana, nel negozio Ullalà di via Sant'Ottavio, dove è possibile pagare in Bitcoin oggetti per la casa, articoli di cartoleria e addobbi natalizi rigorosamente, made in Piemonte o prodotti da aziende italiane, come ci tiene a precisare il titolare Roberto Malanca.
Un passato da informatico, Malanca è consigliere dei Cinquestelle in Comune. Sulla porta del suo negozio campeggia il cartello "Bitcoin accepted here" .
La novità l'ha introdotta tre anni fa: all'epoca neanche immaginava che un singolo Bitcoin potesse arrivare a valere 15mila euro e che la criptovaluta potesse debuttare alla borsa di Chicago, ma oggi il numero dei clienti che lo usano è in crescita costante, ci dice.
"Ci siamo agganciati ad un circuito che ci consente di accettare questo tipo di valuta, convertirla in euro al valore corrente e soddisfare le normative fiscali".
Sono più gli uomini che le donne a usare i Bitcoin, racconta Malanca: "Spesso sono persone che hanno un background informatico, che lavorano in banche o istituzioni finanziarie e che hanno un livello di cultura tecnica medio elevato. Sono persone sopra i 30 anni, ma anche più giovani, generalmente maschi".
Da Ullalà il cliente può pagare con bancomat, carte di credito e vari metodi di pagamento elettronico anche per una matita da 80 centesimi e anzi l'idea di Malanca è quella di aprirsi ad altre criptovalute.
"Il bitcoin in questo ultimo periodo ha alzato tantissimo il proprio valore e quindi anche le commissioni hanno un valore elevato. Stiamo guardando ad altri tipi di valuta, come Ethereum, che ha una capitalizzazione maggiore e un numero di clienti maggiore".
Il blockchain, il software alla base delle criptovalute, per Malanca dovrebbe essere usato anche per scopi sociali ed etici o anche per rivoluzionare alcuni processi della pubblica amministrazione: "In Comune si sta pensando a dei progetti basati sulla tecnologia blockchain, in alcuni assessorati sono abbastanza avanti".

Tags: MULTIMEDIA, news

Posta un commento

Commenti

Commenta per primo questo video.
RSS