Video Marketing
Benvenuto
Login

Sale la tensione fra Lega e M5S, scambio accuse Salvini-Di Maio

Grazie! Condividilo con i tuoi amici!

URL

Non hai gradito questo video. Grazie per il feedback!

Ci dispiace, solo gli utenti registrati possono creare le playlists.
URL


Aggiunto da clservice in AUMENTARE VISTE
13 Visioni

Descrizione

Roma, 14 mag. (askanews) - A circa due settimane dalle elezioni europee la tensione fra gli alleati di governo, Lega e Movimento 5 Stelle, ha raggiunto il livello di allarme, con nuovi scambi di accuse - ormai praticamente senza freni - fra Matteo Salvini e Luigi Di Maio.
La giornata comincia con un Di Maio aggressivo che dalle colonne de La Repubblica ammonisce in un'intervista: "Basta soffiare sul fuoco. L ultra-destra è un pericolo: "Sono una persona moderata: quando l asticella si sposta troppo come accadde a Verona, dove c era gente che andava dicendo che la donna deve stare a casa a pulire, o quando vedo sui social il ministro dell Interno che imbraccia un fucile, allora dico la mia".
Poi, in una conferenza stampa al Senato, Di maio rincara la dose: "Se oggi il governo va a rilento - dice - la Lega deve chiedere a se stessa. È da un mese che chiedo un vertice di governo ma dopo il caso Siri Salvini l'ha presa sul personale".
Prima di approvare l'autonomia regionale, insiste Di Maio, "bisogna cacciare dalla sanità i raccomandati", dice il ministro del Lavoro, che annuncia la presentazione di un emendamento al "Decreto Calabria" per limitare la discrezionalità nella scelta dei manager della sanità.
"Su questa proposta - lancia Di Maio - entro oggi aspettiamo una risposta dalla Lega. Non dal Pd e da Forza Italia, che sono i partiti maggiormente coinvolti dalla ultime inchieste giudiziarie che hanno colpito le Regioni".
E la risposta arriva direttamente da Salvini, a Verona per l'inaugurazione della nuova sede di Cassa Depositi e Prestiti: "È fondamentale mantenere la parola data. Se qualcuno cambia idea o ha tempo da perdere lo spieghi agli italiani". E aggiunge una stoccata:
"Inizio a notare troppi accoppiamenti tra Pd e 5 stelle, troppa sintonia. Dicono no all'autonomia, no alla flat tax, no al nuovo decreto sicurezza. Mi spieghi qualcuno se vuole andare d'accordo con il Pd o con gli italiani e la Lega, rispettando il patto".
C'è una Europa da cambiare - ha proseguito il leader del
Carroccio - e noi la vogliamo cambiare in alternativa alla
sinistra, in totale alternativa alla sinistra. Spero che i 5
stelle non abbiano cambiato idea
Più tardi in dei comizi nella provincia scaligera, ribadisce il concetto: "I signor no non costruiscono nulla. In Italia c'è bisogno di sì, di aprire cantieri, scuole, strade, ospedali". "Qualche altro ministro chiacchiera - dice Salvini io porto risultati: sbarchi calati del 90% e reati calati del 15%. I morti in mare sono diminuiti, purtroppo i morti sul lavoro sono aumentati".
Finché a metà pomeriggio Di Maio torna a stuzzicare l'alleato di governo: "È irresponsabile - dice parlando a Perugia - fare aumentare lo spread come sta accadendo in queste parlando di sforamento rapporto debito-Pil, che è ancor più preoccupante dello sforamento deficit-Pil. Questo è un paese che ha 300 miliardi di euro di evasione fiscale, si possono recuperare un sacco di risorse".

Tags: MULTIMEDIA, news

Posta un commento

Commenti

Commenta per primo questo video.
RSS